Contatti MadreNatura


Galleria fotografica


Dicono di noi...


Le piante raccontano


Ricordi...
fotografici


Racconti... Naturali!


Modulistica


Le scuole raccontano ancora...

Riserva MaB di Montedimezzo (Vastogirardi)
Istituto Tecnico Industriale "G. Marconi" di Bari
2 Marzo 2011

Inauguriamo la nuova stagione scolastica 2010-2011 con i simpatici ragazzi dell'Istituto Tecnico Industriale di Bari, accompagnati dai loro professori.
La neve caduta nei giorni precedenti l'incontro ha lasciato qualche residuo sparso nel bosco. Ci incamminiamo lungo il sentiero e l'aria gelida viene presto attutita da qualche timido raggio di sole che si fa strada tra i rami degli alberi.
Ci dividiamo in due gruppi ed iniziamo a conoscere quanto ci circonda.

Impariamo che di abeti ce ne sono diversi!
Qui a Montedimezzo e nel nostro Appennino la specie che cresce spontaneamente è l'abete bianco, il cui nome scientifico è Abies alba.
Il termine specifico, alba, significa bianco e si riferisce alle due strie bianche presenti sulla pagina inferiore della foglia.
Lungo il sentiero, ai margini del bosco, che è una splendida faggeta, i nostri occhi si soffermano su una specie che fiorisce sul finire dell'inverno, il bucaneve, il cui nome scientifico è Galanthus nivalis.
Come tante candide gocce i suoi fiori, non ancora completamente schiusi, si ergono dal terreno, spesso facendosi strada tra la coltre nevosa!

Ci guardiamo attorno: anche sugli alberi si possono fare interessanti incontri!
I tronchi sono rivestiti di muschio e di licheni. Questi ultimi sono considerati dei indicatori biologici, o anche bioindicatori.
La loro presenza, in termini di quantità e di diversità, è indice di buona qualità ambientale. E qui in questo bosco ce ne sono di tanti e diversi! La qualità ambientale è sicuramente ottima!
Su un tronco di cerro, Quercus cerris, si abbarbica una bella pianta di edera, o Hedera helix.
Scopriamo che non è una pianta parassita ma si arrampica utilizzando delle piccole, ma potenti, radichette per arrivare in alto, e raggiungere quella luce così fondamentale per la sua sopravvivenza. L'edera è uno dei pochi casi di eterofillia, ovvero presenta due forme di foglia differenti: romboidale, sui rami fertili, lobata o a stella su quelli sterili.

Finito il giro nel bosco, che ci ha riservato belle sorprese, proseguiamo verso il museo ed il centro di recupero della fauna selvatica. Il museo è suddiviso in tre sezioni: una sulla geologia del territorio, una sulla botanica ed una sulla fauna. Diverse specie di animali imbalsamati sono racchiuse in grandi teche. Cinghiali, lupi, cervi, caprioli e ancora tassi, ricci, faine...tutte sepcie che abitano questa zona e che in natura, dal vivo, si vedono solo in pochissimi e rarissimi casi fortunati! Perchè sono animali selvatici e molti hanno anche abitudini notturne.
Ma la Riserva di Montedimezzo è speciale, perchè nel suo centro di recupero ci offre l'opportunità di vedere, dal vivo, alcune specie. L'entusiasmo è tanto quando un piccolo capriolo ci viene incontro! In questi grandi recinti sono ospitati animali ritrovati in difficoltà nel loro ambiente, la maggior parte perchè feriti. Qui dopo le cure avute da specialisti passano un periodo di riabilitazione, alla fine del quale, solo quelli davvero guariti e completamente autosufficienti saranno reintrodotti nel loro habitat naturale.
E la mattinata è così volata, ma le conoscenze trasmesseci saranno utili per continuare ad approfondire gli argomenti a scuola con i professori.

Ringraziamo l'Ins. Laura Persico ed i suoi colleghi per averci gentilmente messo a disposizione le foto realizzate dai ragazzi durante l'incontro.
Un ringraziamento speciale va ai ragazzi il cui interesse è stato per noi motivo di grande soddisfazione!
Non resta che l'augurio di rivederci presto!

 

Torna su

“...Quando tutto è silenzio
le cose cominciano a parlare;
pietre, animali e piante
diventano fratelli e sorelle
e comunicano ciò che è nascosto.
Un arcobaleno invisibile
circonda quello invisibile.”

Ernst Jünger

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sede legale: Via Gioberti, 16 - 86081 Agnone (Is)
Tel. 3337145033 - 3284772265 - 3282020479
Sito web: www.madrenaturacoop.it - E-mail: info@madrenaturacoop.it
Foto: Nicoletta Fulgaro, Isabella Pannunzio - Sito web allestito da Isabella Pannunzio
© 2008-2016 MadreNatura Soc. Coop. a r.l.